E la nave va

Le crociere ed i mass media...
Avatar utente
LongJohn73
Capo 3^ Classe
Capo 3^ Classe
Messaggi: 1246
Iscritto il: 10/03/2017, 13:55
Crociere Effettuate: 4
Località: Roma

E la nave va

Messaggioda LongJohn73 » 30/07/2017, 11:55

Dato che la scorsa settimana sono stato a Riccione e dato che durante quella settimana ho fatto anche una puntatina a Rimini che è la città che ha dato i natali a Federico Fellini mi sembrava giusto dedicare un 3d al film del maestro E la nave va del 1983.

1914: il piroscafo "Gloria N." salpa dal molo n. 10 di un non meglio definito porto di Napoli con a bordo le ceneri della "divina" cantante lirica Edmea Tetua. Meta della crociera: l'isoletta di Erimo nel Mar Egeo, nelle cui acque - per ottemperare alle ultime volontà del soprano - le ceneri dovranno essere sparse.
A bordo della nave, celebrità varie, nobili e amici della defunta artista, descritti con un'ironia comprensiva e impietosa al tempo stesso dal giornalista Orlando, a bordo per redigere una cronaca dell'evento. A bordo è presente persino un rinoceronte, ammalato di tristezza d'amore, che saltuariamente viene visitato dai passeggeri.
Il corso della Storia irrompe però con forza: a Sarajevo il granduca Ferdinando è ucciso e scoppia la Prima guerra mondiale; contemporaneamente, il comandante della nave si trova costretto a dover soccorrere dei naufraghi serbi.
In vista della meta, il piroscafo italiano incrocia una corazzata austriaca e viene colpito ed affondato.
Nell'ultima scena il giornalista Orlando informa il pubblico del fatto che i passeggeri non sono tutti morti[3]:
Un idrovolante ha recuperato i superstiti della scialuppa Aurora [...] La scialuppa Stella del nord è miracolosamente arrivata ad Ancona [...] Per quanto mi riguarda io ho una grande notizia da darvi: Lo sapevate che il rinoceronte dà un ottimo latte?
Nel dir questo il giornalista si scherma le labbra con la mano per non farsi sentire dal rinoceronte, il secondo passeggero della barca, che finalmente sereno, mangia un ciuffo d'erba.


Ci sono due modi per tornare da una battaglia: con la testa del nemico o senza la propria.

Paolo Di Canio
Dopo la partita Lazio-Roma 3-1, 6 gennaio 2005

 

Torna a “Cinema, TV e libri sul mondo crocieristico”

  • Social Networks

  • Pubblicità