Coronavirus, arrivano le navi-ospedale

News, informazioni e quant'altro dal mondo crocieristico e navale...
Avatar utente
Dani Ncl
Tenente Comandante
Tenente Comandante
Messaggi: 7112
Iscritto il: 24/11/2014, 21:38
Crociere Effettuate: 3
Località: (MC)

Coronavirus, arrivano le navi-ospedale

Messaggioda Dani Ncl » 13/03/2020, 0:21

Genova - Una grande nave passeggeri, trasformata a tempo di record in modernissimo e attrezzato ospedale galleggiante ancorato nel porto di Genova, in grado di accogliere un migliaio di pazienti e di offrire servizi e interventi indispensabili anche per la terapia intensiva e la rianimazione. Un’ammiraglia di Msc Crociere (in pole per questa mansione c’è la “Opera”) pronta a intervenire in caso di ulteriori necessità, facendo lievitare la disponibilità ricettiva, risolvendo così un problema sempre più angosciante per la popolazione: la mancanza di posti letto e in alcuni casi di assistenza specializzata ospedaliera per chi non è contagiato ma presenta altre patologie, più o meno gravi. E, infine, altri due cruise ferry che dagli abituali collegamenti con le isole potrebbero essere dirottati all’urgenza di servizi sanitari, che dovesse presentarsi non solo sotto la Lanterna ma anche in altre importanti città marinare del Sud del Paese.
Nato da una illuminata intuizione dei vertici di Grandi Navi Veloci (Gnv), immediatamente approvato da Gianluigi Aponte, proprietario della compagnia genovese e leader di Msc, concordato con il sindaco di Genova, Marco Bucci e sostenuto dall’amministratore delegato del Rina, Ugo Salerno, il progetto entra oggi nella sua fase esecutiva, seguito con particolarissima attenzione dai responsabili della Protezione Civile e ovviamente dal governatore Giovanni Toti. Tempi di realizzazione: da una settimana a dieci giorni. Investimenti rilevanti, a carico del gruppo armatoriale e della Protezione Civile. Ma soprattutto una svolta e un messaggio forte in un momento drammatico e di estrema inquietudine per il capoluogo e l’intera Liguria.
Dalla ricostruzione del ponte a un salvagente lanciato ad un Paese e a una regione in difficoltà: lo shipping e l’amministrazione della città si uniscono ancora in un ideale abbraccio a favore del bene comune. Impresa tecnicamente complessa, quella di dotare Genova di un ospedale galleggiante ancorato in porto, pronto ad accogliere tutti i malati colpiti da infezione da virus in diversa misura e ad alleviare l’immane sforzo delle stremate strutture sanitarie liguri e non solo. Impresa immediatamente sostenuta da Aponte e dalla stretta collaborazione operativa con Bucci e Toti. Impresa resa possibile dalla cura con cui Ugo Salerno, amministratore delegato del Rina (un colosso da oltre duemila dipendenti solo in Italia) sta seguendo tutte le fasi realizzative per arrivare in tempi brevissimi alla certificazione della prima nave trasformata in ospedale. Il problema tecnico più rilevante riguarda infatti la completa modifica dell’impianto di aerazione del traghetto, per blindare le cabine destinate ad ospitare pazienti infettivi. Il progetto varato dal più importante partner del porto di Genova e firmato da un’altra eccellenza dello shipping locale e internazionale come il Rina, si è sbloccato nelle ultime ore, attraverso un rapido e concreto intreccio di consultazioni telefoniche sull’asse Ginevra-Genova. Decisiva l’ultima conversazione tra Aponte e le due istituzioni.

Una task force di tecnici e ingegneri sta lavorando sugli schemi e gli impianti insieme agli esperti della protezione civile. Genova forse sola, però mai sconfitta. Genova che fa muro. E che lancia attraverso le sue roccaforti imprenditoriali un altro segnale deciso e consapevole al resto dell’Italia, in questi giorni di smarrimento e di emergenza globale.
Le ipotesi allo studio
Ma come avverrà la riconversione del traghetto? Secondo quanto risulta al Secolo XIX, le ipotesi sul campo – che il Rina valuterà nei prossimi giorni assieme alla Protezione Civile – sono tre. La prima è la trasformazione della nave in punto d’appoggio per pazienti non colpiti dal virus, che in questo modo libererebbero migliaia di posti letto negli ospedali “a terra”, in Liguria e nel resto del Nord Italia; la seconda è la destinazione a luogo di quarantena per pazienti positivi al test; la terza, più complessa ma anche più caldeggiata, è l’utilizzo del traghetto come ospedale per pazienti con patologia Covid-19 conclamata.
§Il vantaggio di un traghetto, rispetto a soluzioni improvvisate come palestre o palazzetti dello sport (scelta effettuata per esempio dalla Cina), secondo gli esperti è indiscutibile. «Parliamo di un luogo sicuro, già dotato di strumentazioni come porte tagliafuoco, impianti di aerazione delle cabine separate da quelli dei locali pubblici, impianti di trattamento delle acque. Un luogo predisposto ad affrontare emergenze come incendi o allagamenti», spiega un esperto di costruzioni navali.
Gli interventi necessari alla trasformazione della nave in ospedale riguarderebbero gli impianti di condizionamento (i garage ne sono sprovvisti) e la realizzazione di eventuali pareti divisorie. Fra le ipotesi allo studio, anche la dotazione di container già adibiti a sale mediche, come accade in zone di guerra o di catastrofi naturali. «Non esistono precedenti nella storia della marineria», spiega l’esperto. Le navi Gnv al centro dello studio del Rina, al momento, sono tre: la Superba, la Suprema e la Splendid. E non è affatto escluso che, superato il test genovese, città del Sud Italia si attrezzino per replicare il modello dell’ospedale galleggiante. —

Fonte: https://www.themeditelegraph.com/it/mar ... 1.38579201


Spagna, Baleari e Malta ● Costa Concordia 2011
Francia, Spagna, Italia ● Costa Diadema 2016
Grecia, Croazia, Montenegro ● Costa Deliziosa 2019

 

Avatar utente
Didi
Capo 3^ Classe
Capo 3^ Classe
Messaggi: 1394
Iscritto il: 17/07/2017, 14:54
Località: milano

Re: Coronavirus, arrivano le navi-ospedale

Messaggioda Didi » 14/03/2020, 12:15

Basta che non facciano come con la Diamond fermata in Giappone che ha allargato il contagio.




Torna a “News dal mondo crocieristico e navale”

  • Social Networks

  • Pubblicità